Recensione stampante Brother DCP-770CW

18 aprile 2008

Brother DCP-770CW: alloggiamento taniche di inchiostoAbbiamo avuto modo di provare la nuova multifunzione Brother DCP-770CW, gentilmente inviataci dal produttore per una prova. Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche di questo modello le potete trovare in un articolo che abbiamo pubblicato recentemente, in questo affronteremo invece le impressioni d’uso di questo modello.

Una volta tolta dall’imballo e liberata dalle varie protezioni necessarie per il trasporto, procediamo al collegamento alla rete elettrica e all’installazione delle taniche di inchiostro. Dopo la prima installazione delle cartucce la stampante impiega circa 4 minuti per eseguire la pulizia del sistema e poi procederà ad una stampa di prova per verificare che la qualità di stampa. La fase successiva consiste nell’impostazione dell’ora e della data, in modo che la stampante svolgere ad intervalli regolari i cicli di pulizia necessari a mantenere il funzionamento ottimale dell’apparecchio.

Brother utilizza la tecnologia micro-piezo per le proprie testine, simile a quella usata da Epson. E’ da segnalare inoltre che quando uno dei serbatoi si esaurisce la stampante non permette la stampa di alcun documento, quindi anche se terminate solamente il giallo non potrete stampare nemmeno i documenti in bianco e nero.

E’ possibile installare la stampante Brother DCP-770CW in tre modi differenti a seconda delle proprie esigenze: utilizzando il cavo USB, via cavo di rete oppure in modalità wireless, se si dispone di una rete WiFi. Personalmente ho scelto quest’ultima possibilità.

Se si possiede un router o di un access point che supportano il “Secure Easy Setup” o “Aoss” la procedura di configurazione è molto rapida, altrimenti è possibile procedere con di configurazione manuale per collegare la stampante alla rete WiFi, utilizzando il pannello di controllo presente sulla DCP-770CW.

Brother DCP-770CW: pannello di controlloUna volta configurato l’accesso alla rete, basta installare il software (per Windows® 2000 / XP/XP Pro x64 / Windows Vista® e Mac OS® X 10.2.4 o versione successiva) e seguire la procedura guidata per poter utilizzare tutte le funzionalità della stampante. Una di queste funzioni è sicuramente quella che permette di associare uno o più pc alla DCP-770CW quando la si vuole utilizzare come scanner. In questo modo è possibile posizionare un documento sul piano dello scanner, premere il pulsante di scansione e scegliere di salvare la foto o il documento sul pc.

La procedura di configurazione della stampante in modalità WiFi e l’installazione dei driver hanno richiesto non più di 3 o 4 minuti e non si è presentato alcun problema durante questa fase.

In dotazione con la stampante vengono forniti anche alcuni fogli di carta di alta qualità in formato 10×15 cm, ovviamente pensati per la stampa di fotografie.

Nel video sottostante potete valutare il livello di rumorosità della stampante ed il tempo di stampa relativo ad una fotografia in formato A4 su carta normale.

Brother DCP-770CWAnche come scanner la Brother DCP-770CW si comporta egregiamente permettendo di ottenere delle scansioni qualitativamente molto buone in tempi ridotti. La procedura di scansione può inoltre essere attivata sia dal pc che direttamente dalla stampante. Lo stesso discorso vale anche per la funzione di copiatrice.

Un altro aspetto che sicuramente farà felici coloro i quali dispongono di spazi ristretti sulla scrivania è rappresentato dal fatto che la Brother DCP-770CW non ha un vassoio esterno per la raccolta delle stampe, ma le conserva in un vano interno, lasciandole fuoriuscire solo per una decina di centimetri.

PRO: ottimo l’ampio schermo LCD ed impagabile il supporto WiFi, davvero comodo per ridurre il numero di cavi intorno alla scrivania. Decisamente soddisfacenti anche le funzioni di scansione e copia. Rumorosità contenuta.

CONTRO: qualità di stampa buona ma non eccelsa.


{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Eventuali commenti volgari, offensivi, fuori tema o palesemente promozionali saranno rimossi.

Post precedente:

Post successivo: