Consumabili da stampa: intervista all’inventore di Cartuccecompatibili.com

11 novembre 2014

cartucce-compatibili Il mondo dei consumabili da stampa da anni si è evoluto trovando nelle cartucce compatibili una risorsa di estremo valore per poter stampare con un’ottima qualità qualsiasi documento o fotografia si voglia conservare. Trovare cartucce compatibili dello stesso livello di quelle originali, però, non è così semplice. Per poterle riconoscere e valutare la qualità ci siamo affidati ad un esperto del settore che vanta uno dei maggiori negozi online di consumabili stampa chiamato appunto Cartuccecompatibili.com, Marco Keller.

Quali sono i requisiti fondamentali che devono avere le cartucce compatibili per essere giudicate di qualità?

Sicuramente devono avere prima di tutto una meccanica che funzioni in maniera perfettamente pari all’originale, siano esse a getto di inchiostro che laser. Non da meno, ovviamente, la formulazione di inchiostri oppure toner di altissima qualità per una resa cromatica ad alta fedeltà.

Come funzionano i test nei laboratori di cartucce compatibili? E quali sono i più importanti da fare?

I test che vengono effettuati sono vari, ma possiamo principalmente distinguerli in:
“test cromatici”, ovvero atti a verificare che la qualità di stampa sia all’altezza della nostra gamma di prodotti, e “test di sforzo” atti a verificare che la meccanica di una laser oppure i condotti e la fluidità di una ink jet sappiano resistere ad elevati numeri di stampa consecutivi.

La ricarica fai da te è da preferire alle cartucce compatibili?

Qui bisogna distinguere il prodotto che utilizziamo. Se esso è un serbatoio inkjet che quindi viene venduto compatibile a pochi euro , ovviamente non ne vale la pena; se invece usiamo una cartuccia con testina di stampa incorporata , ne vale la pena perché il compatibile costa tra i dieci ed i venti euro per cui con al massimo un paio di euro potremmo ricaricare la nostra cartuccia da soli. Sulle laser invece essa è un po’ più complicata , nonché pericolosa per la salute perché maneggiare toner in polvere senza precauzioni è poco consigliabile.

È consigliabile scegliere determinati tipi di carta per poter avere stampe migliori o è totalmente ininfluente?

L’aspetto della carta è trascurato da molti, ma è fondamentale se si vuole un risultato di stampa di alta qualità. Non c’è bisogno di acquistare per forza una carta fotografica Glossy che può avere un costo discreto, ma è sufficiente, se non si vuole per forza l’effetto lucido, anche una carta alta risoluzione per ottenere stampa con una qualità notevolmente più elevata.

Le cartucce compatibili sono migliori nelle stampanti laser o inkjet?

Ad essere sinceri non c’è una differenza per tipologia. Un buon compatibile può dare un ottimo risultato con entrambi le tecnologie di stampa.

Quale prodotto consiglieresti ai lettori di laserinkjet.net?

Beh sicuramente, un prodotto da consigliare a tutti in generale è un po’ difficile, la stampante “va cucita addosso” come un vestito su misura. C’è una stampante, oppure una tipologia di cartuccia, adatta ad ogni esigenza. Se però dovessi dare un’informazione utile, è sicuramente quella di sfatare il mito che le stampanti laser sono più economiche da gestire. Basti pensare che abbiamo a listino cartucce compatibili con brother , tipo il modello LC-1280XXL Black, con un costo a partire dai 3,40€, che è in grado di stampare fino a 3.000 pagine, contro i 20€ circa per un toner che stampa questo numero di pagine. La laser è da consigliare a chi ha necessità di lunghi periodi di inutilizzo, ad esempio, in quanto il toner non tende a solidificarsi come l’inchiostro. Quello che posso prometterle, e che siamo a disposizione di tutti i vs. lettori , per dare tramite il nostro call center, suggerimenti a secondo delle specifiche esigenze, in maniera completamente gratuita !


{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Eventuali commenti volgari, offensivi, fuori tema o palesemente promozionali saranno rimossi.

Post precedente:

Post successivo: